sabato 28 dicembre 2013

Il 2 gennaio la Quintana di Ascoli su "Uno Mattina"








La Quintana di Ascoli andrà in onda su Rai Uno giovedì 2 gennaio alle ore 10,30. Nell'ambito del programma Uno Mattina, i conduttori Massimiliano Ossini e la bella Isabella illustreranno le tipicità di Ascoli Piceno tra ceramica, la magnifica Piazza del Popolo e la splendida Quintana. Ricordiamo come le riprese sono avvenute lo scorso novembre proprio nel cuore di Ascoli. In quell'occasione infatti, un folto numero di figuranti della Quintana di Ascoli hanno accompagnato il conduttore Massimiliano Ossini. In evidenza le specialità tipiche picene come i prodotti Meletti, le olive ascolane, il tartufo, funghi, formaggi, vini e olii tipici locali. Tutto accompagnato dal parere dell'esperto nutrizionista Dott. Mauro Mario Mariani. Poi come non affrontare il discorso legato all'arte ascolana...ed ecco così le splendide ceramiche di Paolo Lazzarotti, costumista della Quintana di Ascoli. Bellissima la cornice in abiti rinascimentali fornita dai sei Sestieri cittadini con dame, nobili, armati e sbandieratori che hanno fatto da cornice alle riprese televisive. Quindi appuntamento al 2 gennaio su Rai Uno ore 10,30. Ancora un'altra importante occasione per vedere in evidenza la città di Ascoli e le sue peculiarità sul panorama nazionale. Buona visione.






Massimiliano Mariotti








Narni: Lucio Antici non correrà per il Terziere di Fra Porta




(foto cronache24.it)


Dal sito cronache24.it:

NARNI – “Lucio Antici non correrà per Fraporta”. Il comitato del terziere rossoblù, in una nota ufficiale, fuga ogni voce sulla possibile presenza nelle fila del terziere dell’ex cavaliere mezulano. Negli ultimi tempi si erano rincorse insistenti voci sul fatto che Antici potesse correre la giostra equestre con Fraporta, fatto che aveva destato polemiche tra i contradaioli. Il comitato, allora, per la prima volta, ha deciso di chiarire ufficialmente la posizione del terziere e di raccontare come sono andate le cose.

Le polemiche - “Le polemiche – affermano - che da circa un mese, agitano gli animi fraportani in piazza, nei bar, sul social, inerenti fantomatiche collaborazioni in scuderia, gradite o meno (dai contradaioli), hanno meravigliato, e non poco, questo comitato. Non tanto per i toni (i soliti ormai da anni) quanto per la dilagante fantasia e la miriade di versioni che man mano si sono susseguite. Abbiamo volontariamente evitato di intervenire in maniera ufficiale per non alimentare questo stato di stucchevole e dilagante isteria verbale. Forse è giunto il momento che parlino i fatti.

I fatti - Lucio Antici – spiegano - durante una manifestazione equestre, ha preso contatto con il nostro staff di scuderia proponendosi per una collaborazione a titolo gratuito. Sulle motivazioni che l’hanno spinto invitiamo i più curiosi a chiedere al diretto interessato. Il responsabile della scuderia ha informato i priori avvisandoli che ci sarebbe stato un secondo incontro. Li ha poi messi al corrente sull’esito del secondo incontro. Da questo momento hanno iniziato a circolare le voci più disparate, telefonate allarmate ai membri del comitato, articoli stampa e venti di rivolta forcaiola. Tutto questo nonostante la realtà delle cose era come sopra descritto. Torniamo ai fatti.

Le riunioni di comitato - Alla riunione di novembre – continuano - la prima utile, lo staff di scuderia ha informato il comitato, in maniera ufficiale di quanto avvenuto ed ha espresso il proprio pensiero in merito chiedendo al resto dei membri di fare lo stesso. Messe sul tavolo ognuno le proprie ragioni si è rimandata ogni decisione alla successiva riunione di dicembre. Ed è inutile stupirsi del fatto che, il giorno successivo, i soliti commentatori preveggenti, davano Lucio Antici ormai certo cavaliere di Fraporta, giorno e notte a montare in scuderia, festivi e prefestivi compresi, ingaggiato per migliaia di euro e ormai responsabile unico del settore tecnico”.

Antici non è un cavaliere di Fraporta - La realtà, invece, a quanto pare era ed è ben diversa. “Come concordato – spiegano da Fraporta - il comitato si è riunito lo scorso 18 dicembre e qui lo staff tecnico ha comunicato la decisione presa, in totale autonomia, sulla scorta di quanto discusso alla riunione precedente, ossia che il cavaliere Lucio Antici non sarebbe stato tra i cavalieri del terziere Fraporta per l’edizione 2014. La scelta è stata fatta nel rispetto del progetto avviato ad inizio mandato. Questi sono i fatti e la realtà delle cose. Tutto il resto sono solo chiacchiere”.









giovedì 26 dicembre 2013

Quintana di Ascoli in lutto, ci lascia Romolo Plebani





Dal sito vievreascoli.it:


Una triste notizie turba le feste natalizie del sestiere di Porta Maggiore e di Ascoli in generale. E' morto, all'età di 74 anni, Romolo Plebani, lo storico capitano del popolo dei verdenero. Grande il cordoglio di tutti i sestieranti, che non hanno mancato di dare omaggio ad uno dei loro esponenti più appassionati e di vecchia data anche sulle pagine di Facebook. I funerali saranno venerdì 27 alle 10, 30 nella Chiesa del Sacro Cuore di Ascoli. Una scomparsa che priva la Quintana di uno dei suoi storici rappresentanti.








A Porta Maggiore..."Babbo Natale non esiste"











domenica 22 dicembre 2013

Presentato ieri il catalogo mostra "Angeli nel Medioevo Ascolano"






E' stato presentato ieri il catalogo mostra " Angeli nel Medioevo ascolano". L'evento si è svolto alle ore 17.00 circa nella "Sala Cecco d'Ascoli" della Pinacoteca Civica. Alla cerimonia sono intervenuti Francesco Mangani, Benedetta Montevecchi, Stefano Papetti, Maria Elma Grelli, Andrea Anselmi, Adriana Cipollini, Suor Paola Giobbi. Moderatrice ella presentazione Maria Brandozzi. Per qualsiasi altra informazione potete contattare l'Associazione Giovane Europa - 0736.256956.



Massimiliano Mariotti







giovedì 19 dicembre 2013

Porta Romana: Domenica 29 assemblea dei soci e scambio di auguri






Dal sito porta-romana.it:

E' stata convocata per Domenica 29 dicembre 2013 alle ore 8:00 in 1^ convocazione ed alle ore 18:00 in 2^ convocazione presso l'Auditorium San Leonardo in Piazza di Cecco, l'Assemblea dei Soci con il seguente ordine del giorno: Comunicazione del Presidente; Approvazione bilancio preventivo anno 2014; Varie ed eventuali. A seguire momento conviviale, rappresentazione del gruppo chiarine del Sestiere e tombolata con ricchi premi. Per informazioni e prenotazioni: 338-4621889 oppure inviare un'e-mail a:
eventi@porta-romana.it





Faenza: Il cavaliere Manuel De Nobili si è svegliato dal coma





Dal sito corriereromagna.it:

FAENZA - Ha aperto gli occhi davanti alla nonna che si è emozionata tantissimo. «Riconosce i famigliari e li sente - ha riferito la sorella Samantha - ma non può ancora parlare perché glielo impedisce la tracheotomia, speriamo che possa farlo presto». Sono segnali positivi quelli mandati da Manuel De Nobili, il 19enne cavaliere del rione Nero, rimasto gravemente ferito nell’incidente stradale avvenuto il 3 dicembre in frazione San Silvestro. Dal Bufalini di Cesena è stato trasferito al Morgagni di Forlì, dove è stato operato ad un polmone. Perciò adesso respira a fatica, e in certi momenti ha ancora bisogno dell’ossigeno. La prognosi resta riservata.Si fa comunque strada nei sanitari e in quanti gli stanno accanto una fiducia che lascia ben sperare. Non ci si sbilancia sul tipo di recupero che potrà avere e sui tempi. Infatti il quadro clinico permane critico ma il paziente risponde alle terapie. Dovrà essere sottoposto ad altre operazioni.Gli effetti del sinistro sono stati devastanti: fratture al bacino, costole rotte, traumi interni ed emorragie, tra le quali la più preoccupante era una al capo che comunque pare in riassorbimento. Dopo lo step forlivese si fa strada la possibilità di un trasferimento ad un centro riabilitativo di Cesenatico. Intanto proseguono i messaggi di incoraggiamento e solidarietà su facebook, oppure fatti pervenire ai familiari, da parte di esponenti di ogni rione, da amici e perfino da sconosciuti. «E’ stato un bel regalo di Natale - ha commentato il caporione del Nero Fabio Cavina - probabilmente non sarà possibile rivederlo a cavallo al prossimo palio, ma questa è la cosa meno importante. Adesso ha un’altra battaglia da vincere». Manuel De Nobili viaggiava su una Fiat Punto, ed era appena uscito dal lavoro, in una ditta della zona artigianale. Doveva andare a festeggiare l’assunzione definitiva quando, giunto all’intersezione tra via Proventa, da dove proveniva, e via San Silvestro, è venuto a collisione con un tir Volvo condotto da un 58 enne di Altamura, che procedeva in direzione del casello dell’autostrada. Il violentissimo urto scaraventò la Punto ai limiti di un frutteto proprio nei pressi della chiesa di San Silvestro. (f.d.)








mercoledì 18 dicembre 2013

Arezzo: Porta Santo Spirito raggiunge l'accordo con i propri giostratori



Elia Cicerchia - Gianmaria Scortecci

(foto portasantospirito.org)


Dal sito portasantospirito.org:


Il Quartiere di Porta Santo Spirito ha raggiunto l’accordo per il rinnovo della collaborazione fino al 2018 con i giostratori, Andrea Bennati, Elia Cicerchia, Gianmaria Scortecci e Thomas Tanganelli.


Thomas Tanganelli - Andrea Bennati

(foto portasantospirito.org)


Abbiamo deciso di prolungare il rapporto che ci lega con i nostri giostratori, - dichiarano il Rettore, Ezio Gori e il Capitano, Marco Geppetti, - per ribadire la fiducia in questo gruppo e nella convinzione che il rafforzamento del rapporto sarà foriero di ulteriori successi.







Arezzo: Il ritorno di Luca Veneri a Porta del Foro



(foto arezzooggi.net)



Dal sito arezzooggi.net:

Il Consiglio Direttivo del Quartiere si è riunito ieri sera e ha deliberato, con voto unanime, il ritorno del più giovane dei fratelli Veneri. In coppia con il fratello Gabriele, ha costituito una delle più floride e vincenti accoppiate della piazza. Sei le lance d'oro vinte in coppia dai due fratelli fra il 1995 e il 2001. Luca ha poi vinto altre due Giostre per la chimera, prima di trasferirsi alla Colombina Luca Veneri torna quindi a Porta del Foro dopo aver ripreso in mano le redini del settore tecnico la scorsa estate, all'indomani della debacle della Chimera nella Giostra di giugno. Dovrà essere lui ad affiancare e guidare Stefano Mammuccini, che ha esordito nell'ultima edizione di settembre del Saracino, e contemporaneamente dovrà rilanciare con i suoi tiri i giallocremisi. La nuova accoppiata si annuncia molto forte per il legame professionale che già lega Mammuccini e Veneri, visto che i due si allenavano già insieme prima ancora che il Consiglio della Chimera chiamasse Luca come allenatore.









La regione Marche concede un contributo di 60.000 euro alla Quintana di Ascoli






Dal Corriere Adriatico, edizione di Ascoli Piceno:

ASCOLI - Il consiglio regionale, in sede di approvazione del bilancio di previsione 2014, ha concesso un contributo straordinario di 60.000 euro a sostegno della Quintana di Ascoli nella ricorrenza del sessantennale. E' stata quindi accolta favorevolmente la proposta di valorizzazione della rievocazione storica avanzata da Valeriano Camela, consigliere regionale e componente cda dell’Ente Quintana, e sostenuta con forza dal vicepresidente della Regione Marche Antonio Canzian. Con tale atto viene certificata l'importanza della manifestazione ascolana non soltanto per il territorio piceno ma per tutta la regione.







martedì 17 dicembre 2013

Arezzo: Tentata rapina al cavaliere Enrico Giusti, grande paura e danni






Dal sito arezzooggi.net:


“E' stato un attimo” - ci ha raccontato l'ex giostratore giallocremisi - “siamo arrivati alla stalla, io e la mia ragazza, intorno all'una e mezzo. Come ci siamo avvicinati al capanno con l'auto, abbiamo visto tre uomini che si sono diretti verso di noi. Hanno anche tirato fuori i coltelli” Pochi momenti concitati, poi uno dei tre è salito a forza nell'auto di Giusti, ha inserito la retromarcia, e ha fatto finire il mezzo giù per una scarpata, per liberare la strada a sfondo chiuso che porta al capanno dove Enrico li aveva sorpresi. Una volta liberata la strada i tre sono montati sulla loro auto e sono fuggiti. “Quando siamo arrivati noi dovevano essere appena arrivati anche loro” - ha continuato Giusti nel suo racconto - “perchè non hanno avuto il tempo di far danni ne portar via nulla. Tra l'altro io al capanno non tengo niente, mi porto sempre tutto a casa. Al limite potevano prendere una bottiglia di vino o un vecchio televisore anni '70, più di questo non c'era li da rubare” E' comunque scosso Giusti, queste sono situazioni che solo vivendola di persona si possono capire fino in fondo. “Tanta, troppa gente, che si dichiara pronta a qualsiasi cosa, se dovesse trovarsi in queste situazioni” - dice Giusti amareggiato - “in realtà quando poi ti trovi in prima persona davanti qualcuno, che magari tira fuori un coltello com'è successo a noi, non riesci a fare niente. Ormai stiamo sfuggendo dalle logiche 'consuete' dei ladri che entrano in casa di notte e rubano. Uno arriva a casa e la trova svaligiata. E' brutto, ci si sente impotenti, ma questa è un'altra storia. Questo episodio è successo in pieno giorno”. Per Giusti un anno da dimenticare, il 2013. La fine del rapporto con il quartiere giallocremisi, per il quale aveva vinto tre lance d'oro – l'ultima, a settembre 2007, è ancora l'ultima affermazione di Porta del Foro – il terribile incidente che gli ha portato via la sua Fanè, a settembre, e infine ieri l'aggressione subita. Per fortuna tutto si è risolto con tanta paura e diversi danni all'auto, ma contro tre persone armate di coltello e con niente da perdere, poteva sicuramente finire peggio. Un augurio a Enrico, perchè dimentichi questo 2013 che si avvia al tramonto e riparta come fanno i cavalieri: lancia in resta e via al galoppo.

Giulio Cirinei







Giuseppe Zedde detto Gingillo: "Con San Lazzaro riprovo a vincere"




(foto il canapo.com)




Dal sito ilcanapo.com (l'informazione del Palio di Asti on-line):

ASTI - Si è tenuta venerdì sera, davanti a circa trecento commensali, la presentazione del fantino di San Lazzaro Giuseppe Zedde "Gingillo", che difenderà i colori dei ramarri dopo la vittoria del Palio 2013 per i colori del borgo Torretta. (Gingillo aveva già vinto per il borgo di corso Casale nel 2008). "Quando si vince è facile essere al centro dell'attenzione - ha detto Giuseppe Zedde a proposito delle diverse offerte giunte da parte di diversi borghi dopo la sua vittoria con la Torretta - alcuni mi hanno contattato, ma alla fine ho detto sì agli amici di San Lazzaro, mi hanno dato fiducia già nel 2004 e ho sempre trovato persone splendide. E ora sono qua e riprovo a vincere". "Con il nuovo rettore mi sono trovato molto bene - ha detto Gingillo - con lui non ci ho mai lavorato ma lo conoscevo già da prima". Buoni anche i rapporti con la Torretta. "Certo, forse ci speravano che io rimanessi lì, ma alla fine hanno capito che dopo la vittoria del Palio ho ritenuto opportuno spostarmi in un altro borgo". Per Gingillo si prepara una stagione piena di progetti: "Oltre ad Asti, voglio tentare quest'anno anche Legnano e Fucecchio. Senza dimenticare Siena: è dal 2009 che non vinco e un colpo anche lì male non farebbe". La serata è stata l'occasione anche per celebrare le diverse realtà che operano all'interno del quartiere di San Lazzaro. Durante la cena è stata protagonista anche la squadra del San Domenico Savio con Bruno Scavino, il suo presidente.








lunedì 16 dicembre 2013

Civiltà urbana e committenze artistiche al tempo del Maestro di Offida (secoli XIV-XV)







L'Istituto Superiore di Studi Medievali Cecco d'Ascoli è lieto di annunciare l'uscita dell'ultimo volume della collana "Atti del Premio Internazionale Ascoli Piceno" - III serie diretta da Antonio Rigon, edita in convenzione con l'Istituto storico italiano per il Medioevo


Civiltà urbana e committenze artistiche al 
tempo del Maestro di Offida 
(secoli XIV - XV)

 a cura di Silvia Maddalo e Isa Lori Sanfilippo 

 (XIX degli ATTI PIAP)

Il volume raccoglie gli Atti del convegno di studio svoltosi ad Ascoli Piceno e Offida in occasione della XXIII Edizione del Premio Internazionale Ascoli Piceno (1-3 dicembre 2011)



Il convegno di studi ha inteso accendere i riflettori sulla produzione pittorica trecentesca diffusa in una vasta area di confine fra lo Stato Pontificio ed il Regno di Napoli, nella quale gli studi più recenti hanno ravvisato i caratteri di una uniformità stilistica ed espressiva che intreccia rapporti di varia origine: tra Offida, Ascoli Piceno, Atri e Teramo si snoda infatti l’attività di un caposcuola, conosciuto con il nome convenzionale di Maestro di Offida, che con la sua folta equipe ha operato presso le maggiori istituzioni religiose, elaborando immagini sacre che hanno incontrato il gradimento del pubblico per la loro piacevolezza narrativa. La proposta di identificare il principale responsabile di questa attività con il pittore Luca d’Atri rappresenta uno degli argomenti del dibattito in corso, al pari della ricostruzione dei percorsi iconografici e stilistici che è possibile ricomporre nell’ambito di un fitto intreccio di scambi culturali ed economici che hanno animato questo territorio di confine nei decenni a cavallo fra la prima e la seconda metà del XIV secolo.



Antonio RIGON - Introduzione ai lavori

Jean-Baptiste DELZANT - Per l'onore della città, per l'onore del signore. Circolazione di modelli politici e di artisti tra le signorie cittadine dell'Italia centrale(sec. XV)

Francesco PIRANI - Nelle Marche meridionali fra Tre e Quattrocento: città, regimi, committenza artistica

Attilio BARTOLI LANGELI / Sonia MERLI - Un aspetto della committenza pubblica in ambito urbano: le fontane

Pierluigi LEONE DE CASTRIS - Il Maestro di Offida nell’Abruzzo teramano

Maria Giuseppina MUZZARELLI - Spunti dagli affreschi del maestro di Offida per osservazioni sulla moda nel Trecento e sullo studio della storia della moda

Stefano PAPETTI - La chiesa di Santa Maria delle Donne: un palin sesto della pittura trecentesca ad Ascoli Piceno

Francesca MANZARI - Pittori e miniatori tardogotici tra Marche e Abruzzo: un Messale miniato destinato a Offida

Giorgia CORSO - Scultura in pietra nella Marca meridionale: evoluzione e digressioni nei portali tardogotici

Graziano Alfredo VERGANI - Un signore lombardo, uno scultore romagnolo e un sepolcro "alla veneziana" nelle Marche del Trecento: Bonaventura da Imola e l'Arca di Giovanni Visconti da Oleggio nel Duomo di Fermo

Luca PALOZZI - Talenti provinciali. Il cardinale francescano Gentile Partino da Montefiore e un'aggiunta alla scultura umbra del Ttrecento

Pio Francesco PISTILLI - San Ginesio nel tardo medioevo e la vicenda della sua collegiata

Francesca FLORES D’ARCAIS - La diffusione delle opere d' arte veneziane nell' area centro adriatica nel Trecento

Lectio magistralis di Ferdinando BOLOGNA

Il Maestro di Offida Alessandro TOMEI Qualche precisazione sugli affreschi tardo-gotici in Santa Maria della Rocca a Offida



L'elenco completo delle pubblicazioni degli Atti è consultabile al sito ISSM nella sezione Premio: http://www.issmceccodascoli.org

L'elenco della III serie è consultabile al sito ISIME: http://www.isime.it/index.php/pubblicazioni

 Le richieste potranno essere rivolte direttamente all’Istituto Storico Italiano per il Medio Evo, Piazza dell’Orologio,4 -00186 Roma, per fax (06 68195963), per lettera o posta elettronica (ufficiovendite@isime.it). Le spese di spedizione saranno a carico del destinatario; l’importo verrà aggiunto in fattura ed il totale andrà pagato in contrassegno o anticipandolo tramite bonifico bancario o bollettino postale. I libri potranno anche essere ritirati direttamente in sede.








Massimiliano Mariotti










sabato 14 dicembre 2013

Faenza: Migliorano le condizioni di Manuel De Nobili







Dal sito romagnanoi.it:


CESENA - E’ sempre ricoverato in prognosi riservata nel reparto di rianimazione dell’ospedale “Bufalini” di Cesena il 19enne faentino Manuel De Nobili, noto per essere il cavaliere del Rione Nero al Palio del Niballo. Il giovane era rimasto coinvolto in un incidente stradale martedì dopo mezzogiorno, quando al volante della sua Fiat Punto, al volante della quale proveniva da via Proventa, era andato a scontrarsi in via San Silvestro con un autotreno diretto al casello dell’autostrada. Dopo essere stato mantenuto in coma farmacologico, il ragazzo, che sembra non abbia riportato lesioni cerebrali, è ovviamente da considerare ancora grave, anche se pare lecito un certo ottimismo.








giovedì 12 dicembre 2013

Porta Maggiore: Domenica 15 "Pranzo di Natale"







Domenica 15 dicembre 2013

 presso la sede 
del Sestiere di Porta Maggiore

via delle terme n.2

si svolgerà il consueto

"Pranzo di Natale"

alla modica cifra di 10 euro

alla fine del pranzo il brindisi e lo scambio di auguri 
di tutto il popolo nero-verde


PRENOTAZIONI PRESSO LA LATTERIA NEPI




Massimiliano Mariotti












mercoledì 11 dicembre 2013

Sestiere Porta Tufilla: Sabato 21 "Natale rossonero"









Massimiliano Mariotti









Incontro sull'Economia e Territorio tra tarda Antichità e alto Medioevo







“Economia e territorio nell’Adriatico centrale tra tarda Antichità e alto Medioevo” 


Giovedì 12 dicembre, alle ore 16.30, nella sala dei Savi del Palazzo dei Capitani, si terrà un incontro sul tema “Economia e territorio nell’Adriatico centrale tra tarda Antichità e alto Medioevo”, organizzato dal Comune di Ascoli Piceno, dai proff. Enrico Cirelli, Enrico Giorgi e Giuseppe Lepore del Centro Studi per l’Archeologia dell’Adriatico dell’Università di Bologna e dall’Istituto Superiore di Studi Medievali “Cecco d’Ascoli”. Verso la fine del VI secolo, l’arrivo dei Longobardi, divise l’Italia in due, dando inizio a nuovi tipi di insediamento e a diverse forme di sfruttamento delle campagne e delle città sopravvissute al tracollo del sistema urbano e territoriale antico. Le ricerche archeologiche degli ultimi anni stanno riportando alla luce nuove testimonianze che consentono di tracciare un quadro più completo di questo importante periodo storico, al centro del dibattito negli ultimi decenni. Questo incontro è un’occasione per condividere i risultati degli ultimi anni di ricerche sul campo lungo le regioni adriatiche centrali comprese tra Romagna e Molise e tra Croazia e Montenegro.





Massimiliano Mariotti






domenica 8 dicembre 2013

Sestiere Piazzarola: Sabato 14 la Cena di Natale





CENA DI NATALE 

Sabato 14 Dicembre 


Bruschette Miste 
Gnocchi alla Norcina 
Arista con patate 
Panettone 
 Pandoro 
Spumante 
10€ 


 PER UN NATALE BIANCOROSSO





Massimiliano Mariotti









venerdì 6 dicembre 2013

Foligno: Il Rione Ammanniti punta su Cordari e Cipiccia






Dal sito tuttoggi.info:

Novità assoluta nel mondo della Quintana. Il rione Ammanniti, nel corso dell’ultima riunione del consiglio, ha deliberato all’unanimità i due portacolori per le giostre del 2014: Cristian Cordari giostrerà nella sfida di giugno, mentre Diego Cipiccia sarà il Gagliardo nella rivincita di settembre. Il rione, dunque, punta su due professionisti. Il priore Marco Guidoni ed il consiglio danno ufficialmente il benvenuto ai due cavalieri, augurando loro, attraverso un comunicato stampa, un proficuo lavoro. Gravissimo De Nobili - Dopo la triste notizia del grave incidente di Manuel De Nobili, diciannovenne cavaliere faentino che ha disputato la recente Quintana degli Esordienti, il rione si stringe intorno alla famiglia e prega affinchè tutto si risolva nel migliore dei modi. Manuel si trovata ricoverato in gravissime condizioni all’ospedale di Cesena, ed aveva difeso i colori dell’Ammanniti proprio nella giostra dedicata ai più giovani. Il sostegno del rione - 'E’ un ragazzo eccezionale – dichiara il priore Guidoni – con una grande voglia di vincere. Si tratta di un giovane promettente per la Quintana di Foligno, con un carattere forte che ha ancora davanti a sé tanti sogni da realizzare. Forza Manuel – conclude – non mollare, noi ti siamo vicini e ti aspettiamo presto nel tuo rione'.











Porta Solestà: Sabato 21 "Cena di Natale"











Massimiliano Mariotti










Arezzo: Summit su tutela e benessere del cavallo nella Giostra




( foto www.comune.arezzo.it)


A cura di Roberto Parnetti:

AREZZO - Il giorno 22 novembre 2013 si è svolta presso la sede dell'Istituzione Giostra del Saracino una riunione operativa al fine di prendere in esame la linea d'azione da assumere da parte dell'Istituzione in materia di tutela e benessere del cavallo e di doping a salvaguardia e nell'interesse della Giostra del Saracino. L'incontro è stato convocato dal Presidente dell'Istituzione Giostra del Saracino e ha visto la partecipazione oltre che dei quattro rettori dei quartieri, anche di Roberto Gottarelli in qualità di veterinario della manifestazione e di Paolo Omizzolo responsabile del servizio zootecnico dell'Azienda USL 8. Presente anche il veterinario del quartiere di Porta Crucifera Riccardo Rinnovati. In un clima di massima collaborazione fra tutte le parti a vario titolo coinvolte nella manifestazione, sono stati resi noti i risultati delle indagini supplementari condotte sul campione prelevato alla Giostra di Settembre alla cavalla Baby Doll che sgombrano il campo da ogni sospetto di maltrattamento animale per via farmacologica. Facendo tesoro dell'accaduto, l'obiettivo prioritario dell'Istituzione Giostra del Saracino diventa quello di concludere rapidamente il percorso già avviato da alcuni mesi a questa parte, anche con la collaborazione dei veterinari Gottarelli e Omizzolo, per l'adozione di un documento ufficiale in grado di stabilire in materia di doping regole ADEGUATE alla realtà della Giostra del Saracino pur nel rispetto della vigente normativa del settore in tema di benessere animale. Il nuovo protocollo antidoping avrà come obbiettivo il benessere dei cavalli impiegati nella Giostra e comprenderà anche un elenco di sostanze, con farmacocinetica ben documentata, utilizzabili a scopi terapeutici entro limiti prestabiliti e sotto la stretta sorveglianza del veterinario di quartiere e un elenco di sostanze comunque proibite, senza attenuanti di sorta. La scelta di avvalersi della verifica QUANTITATIVA sulle molecole permesse, consentirà ai veterinari di quartiere di operare con maggiore efficacia nella terapia sui cavalli bisognosi di cure e all'Ente di verificare con la massima accuratezza la liceità dei comportamenti farmacologici adottati. Con la verifica QUANTITATIVA, infatti, non solo si indagherà sulla presenza di una molecola ma anche in quale concentrazione si trova e questo consentirà di stabilire se il protocollo terapeutico adottato rientra nel lecito o se cade nell'illecito, senza ombra di dubbio alcuno. Si tratta di un modo nuovo di procedere in materia di accertamenti analitici antidoping nell'ambito delle manifestazioni storiche, molto più dettagliato e consono alle esigenze dei cavalli, utilizzato per la prima volta in Italia nella nostra città, frutto di una sinergia fra Gottarelli e Omizzolo. Saranno quindi scritte regole certe e chiare per la tutela dei cavalli e in caso di doping verranno adottate le sanzioni previste. Il Presidente Agnolucci ha comunque messo in evidenza che al di là della bontà di un documento che al termine dei lavori sarà reso pubblico, non si potrà comunque prescindere dall'uso del buon senso che resterà il vero baluardo contro ogni abuso. Agnolucci si è poi dichiarato assolutamente soddisfatto per come è stata gestita dai professionisti dell'Istituzione Giostra del Saracino la situazione relativa al noto caso della cavalla Baby Doll montata da Elia Cicerchia, in quanto le analisi ematiche eseguite e tutti i successivi approfondimenti clinici hanno sgombrato il campo da ogni ipotesi di doping.









giovedì 5 dicembre 2013

Faenza: Grave incidente d'auto per il cavaliere Manuel De Nobili








Dal Resto del Carlino, provincia di Ravenna:

Faenza (Ravenna), 4 dicembre 2013 - È Manuel De Nobili (sotto la foto dello schianto), cavaliere del Rione Nero, promessa del Palio del Niballo, la giostra faentina di equitazione, la vittima dell’incidente che si è verificato ieri nella tarda mattinata nella zona industriale di Faenza, tra all’incroio tra via San Silvestro e via Proventa. De Nobili, appena 19enne, era il suo secondo giorno da operaio in un'azienda che si trova proprio nei pressi del teatro del gravissimo incidente. L'episodio è avvenuto all'incrocio tra via Proventa e via San Silvestro. De Nobili si trovava al volante di una Fiat Punto grigia e stava percorrendo via Proventa, strada che da via Granarolo conduce in via San Silvestro.


(foto resto del carlino)


Pare fosse uscito nel momento di pausa probabilmente per mangiare un boccone. Arrivato all'intersezione con la Provinciale, proprio di fronte ad una trattoria, forse complice il sole che a sinistra rende molto difficoltosa la visibilità ha impegnato l'incrocio non accorgendosi che proprio da quel lato, dalla città verso il casello dell'A14, arrivava un tir con rimorchio condotto da un 60enne della provincia di Bari. Lo schianto è stato violentissimo tanto che l'utilitaria sulla quale viaggiava De Nobili è stata sbalzata di almeno una ventina di metri nel canale di scolo della San Silvestro a sinistra rispetto alla prospettiva di marcia del mezzo pesante. Sul posto un'ambulanza e l'elicottero dall'ospedale di Ravenna; sulla Provinciale anche i Vigili del fuoco del distaccamento di Faenza. Una volta estratto il giovanissimo cavaliere del Nero è stato trasportato in elicottero all'ospedale Bufalini di Cesena. Apparentemente illeso il conducente del mezzo pesante. La notizia dell’incidente accorso a Manuel De Nobili ha raggiunto quasi subito i colleghi di lavoro che disperati e increduli sono arrivati sul luogo dell’incidente.







Economia e Territorio nell'Adriatico centrale tra tarda Antichità e alto Medioevo



Comune di Ascoli Piceno 
Istituto Superiore di Studi Medievali 
"Cecco d'Ascoli" 

giovedì 12 dicembre 
ore 16,30 
Ascoli Piceno - Palazzo dei Capitani 

ECONOMIA e TERRITORIO 
nell'Adriatico centrale tra tarda Antichità e alto Medioevo (IV-VIII secolo) 

III Incontro° preparatorio con Antonio Cirelli - Enrico Giorgi - Giuseppe Lepore






Massimiliano Mariotti






Arezzo: I risultati della Quintana d'Inverno








A cura di Uffici Stampa Egv (Edizioni Giorgio Vasari):

Era stato presentato come un vero e proprio evento la Quintana d’Inverno, organizzata dalla Commissione del Comitato Regionale Toscano FISE – Area Eventi Storici di Tradizione con il patrocinio della Provincia di Arezzo del Coni del Panathlon e della LILT, e le aspettative non sono state deluse nonostante il forte vento di tramontana che ha condizionato la gara di domenica, quella più attesa, che ha richiamato veri e propri “big” del panorama quintanaro giostresco nazionale. Erano 31 i cavalieri iscritti (in possesso del brevetto BPQ) per 36 binomi totali alla partenza che si sono dati “battaglia” sul campo gara dell’Arena Dante terreno in sabbia silicea uno dei migliori in ambito europeo per le gare con cavalli. Questi i risultati delle singole gare.

Sabato 30 - Gara per cavalieri BPQ denominata livello 1 – categoria 1 su un percorso ovale (in omaggio al Palio delle Contrade di San Secondo Parmense) con 27 binomi alla partenza: 1° Luca Veneri (con un totale di 32 punti ed un tempo totale di 54,43), 2° Enrico Giusti (30 - 50,27), 3° Marco Cherici (28 - 56,3), 4° Alessandro Lombardi (20 - 45,93), 5° Federico Minestrini (20 - 50,35), 6° Pasquale Lionetti (20 - 51,7), 7° Manuel de Nobili (18 - 43,56), 8° Pierluigi Chicchini sul cavallo Gaggiano (18 - 49,79), 9° Lorenzo Desimone (18 - 51,0), 10° Pierluigi Chicchini sul cavallo Continuity (18 - 51,8)

Categoria Amazzoni: 1° Chiara Cavarra (14 - 74,13), 2° Erika Cherici (10 - 75,75), 3° Francesca Giacomoni (6 - 88,91). Categoria ludica addestrativa: 1° Niccolò Paffetti (24 - 70,50), 2° Niccolò Parnetti (20 - 70,16), 3° Nicholas Lionetti (16 - 58,15).

Domenica 1 – Gara per i soli cavalieri BPQ denominata livello 1 – categoria 2 su un percorso ad otto che ha visto alla partenza 31 binomi alla partenza. Si sono corse due tornate con i primi dieci della classifica che accedevano alla tornata finale che ha visto i seguenti risultati: 1° Luca Veneri (2 anelli in un tempo di 49,62), 2° Cristiano Liti (2 - 51,40), 3° Federico Minestrini (2 - 52,63), 4° Filippo Fardelli (2 - 54,50), 5° Mattia Zannori (1 - 46,65), 6° Daniele Scarponi (1 - 47,12), 7° Marco Cherici (1 - 53,53), 8° Giacomo Perugini (0 - 47,54), Enrico Giusti eliminato per fuori pista ed Elia Cicerchia ritirato. Miglior cavaliere delle due gare Luca Veneri, Cavaliere d’Onore (per tenuta, condotta e status del cavallo) Daniele Scarponi. Per i cavalieri con residenza di club in toscana, la manifestazione era valida come primo campionato toscano che ha visto premiati, con le medaglie d’oro, d’argento e di bronzo i seguenti cavalieri e amazzoni: Categoria amazzoni: 1° Chiara Cavarra, 2° Erika Cherici, 3° Francesca Giacomoni Categoria ludica addestrativa: 1° Niccolò Paffetti, 2° Niccolò Parnetti, 3° Aurelio Nencini Categoria cavalieri brevettati: 1° Luca Veneri, 2° Filippo Fardelli, 3° Marco Cherici. Tutti i "medagliati" saranno festeggiati al Gran Galà dell'equitazione toscana della FISE, in programma sabato 14 dicembre, con tutti i vincitori delle varie discipline equestri.




domenica 1 dicembre 2013

Arezzo: Successo per "la Quintana d'Inverno"





A cura di Roberto Parnetti:


E’ stata presentata giovedì 28 novembre, nella sala della giunta della Provincia di Arezzo, la prima edizione della “Quintana d’Inverno” organizzata dal Comitato Regionale Toscano FISE – Area Eventi Storici di Tradizione, in programma per Sabato 30 novembre e Domenica 1 dicembre presso gli impianti dell’Arezzo Equestrian Centre. Goffredo Pasquini (responsabile del comitato regionale) e Roberto Parnetti (responsabile eventi del comitato) hanno illustrato il ricco ed intenso programma che si articolava su prove riservate ai cavalieri in possesso del brevetto BPQ (Brevetto Palii e Quintane) oltre che dimostrazioni per amazzoni e per giovanissimi. Gli organizzatori si sono soffermati sui numeri dei cavalieri brevettati partecipanti con 31 iscritti (e 36 binomi) a rappresentare tutte le più importanti città sedi di giostre e quintane: Pistoia, Foligno, San Gemini, Faenza, Monselice, Sarteano, Narni, Amelia, Reggio Emilia, e ovviamente Arezzo che ha visto alla partenza 8 giostratori (Marco Cherici, Elia Cicerchia, Filippo Fardelli, Enrico Giusti, Stefano Mammuccini, Cristian Salvi, Gianmaria Scortecci e Luca Veneri). Ha poi preso la parola Giorgio Cerbai, delegato del CONI provinciale di Arezzo ente patrocinatore assieme alla Provincia di Arezzo ed al Panathlon, per sottolineare l’importanza della manifestazione che convoglierà all’Arezzo Equestrian Centre i migliori cavalieri nazionali. E’ stata poi la volta dell’artista Alessandro Marrone che ha presentato la ceramica, da lui stesso realizzata, che sarà assegnata, come premio principale, al cavaliere vincitore. Pasquini e Parnetti hanno poi sottolineato come la manifestazione sia valevole anche per il campionato toscano di Eventi Storici la cui premiazione avverrà durante il Gran Galà dell’Equitazione in programma il 14 dicembre p.v. Il programma della manifestazione, che vede quale patner la LIT di Arezzo, ha preso il via ieri alle ore 9,00 con una gara su di un percorso ovoidale ideato come la pista del Palio di San Secondo Parmense (PR) che vede, da molti anni, protagonisti cavalieri aretini. Per tale occasione è stata presente una delegazione del’Ass.ne Palio delle Contrade che premierà i vincitori. Stamattina, sempre con inizio alla ore 9,00, si è corso invece la gara su un percorso ad otto.





CAVALIERI GIOSTRANTI:


AMADORI Fabrizio (Solarolo - RA)
BIZZARRI Filippo (Foligno - PG)
BOARETTI Samuele (Monselice - PD)
CAPPELLETTI Daniele (Sarteano - SI)
CHERICI Marco (Arezzo)
CHICCHINI Pierluigi (Foligno - PG)
CICERCHIA Elia (Arezzo)
DE NOBILI Manuel (Faenza - RA)
DESIMONE Lorenzo ( Bibbiano - RE)
FARDELLI Filippo (Arezzo)
GIUSTI Enrico (Arezzo)
INNOCENZI Luca (Foligno - PG)
LAMPREDI Manuel (Montescudo - RN)
LIONETTI Pasquale (Modigliana - FC)
LITI Cristiano (San Gemini - TR)
LIVERANI Alberto (Faenza - RA)
LOMBARDI Alessandro (Pistoia)
MARZOLI Francesco (Amelia - TR)
MAMMUCINI Stefano (Arezzo)
MINESTRIN Federico ( Spoleto - PG)
NENCINI Alessandro (Pistoia)
NERI Alessandro (Città di Castello -PG)
PERUGINI Giacomo (Sarteano - SI)
QUADRACCIA Stefano (Amelia - TR)
RICCHIUTI Alessio (Coriano - RN)
SALVI Cristian (Arezzo)
SCORTECCI Gianmaria (Arezzo)
UGOLINI Alessandro ( Pieve S. Stefano - AR)
VENERI Luca ( Arezzo)
SCARPONI Daniele (Foligno - PG)
ZANNORI Mattia (San Gemini - TR)


Categoria AMAZZONI:

CAVARRA Chiara (Arezzo)
CHERICI Erika (Arezzo)
GIACOMONI Francesca (Arezzo)
MORGANTINI Alessandra (Sarteano -SI)


Categoria LUDICO:  

LIONETTI Nicholas (Faenza - RA)
NENCINI Aurelio (Pistoia)
PAFFETTI Niccolò (Arezzo)
PARNETTI Niccolò (Arezzo)
QUADRACCIA Filippo (Amelia - TR)
TABANELLI Matteo (Faenza - RA)


AREZZO - QUINTANA D'INVERNO: i risultati della prima giornata di gare che si sono svolte su un percorso ovoidale di 240 mentri.
Categoria Cavalieri brevettati:
1° Luca VENERI (32 punti nel tempo totale di 54,43 sec.)
2° Enrico GIUSTI (30 punti - 50,27 sec.),
3° Marco CHERICI (28 punti - 56,03 sec.).

Categoria Amazzoni:
1° Chiara CAVARRA (14 punti - 74,13 sec.),
2° Erika CHERICI (10 punti - 75,75 sec.),
3° Francesca GIACOMONI (6 punti - 88,91).

Categoria Ludica:
1° Niccolò PAFFETTI (24 punti - 70,50 sec.),
2° Niccolò PARNETTI (20 punti - 70,16),
3° Nicholas LIONETTI (16 punti - 58,15).






giovedì 28 novembre 2013

Fisb: Il Consiglio Direttivo G.G.G. all'Ente Quintana di Ascoli






Dal sito fisb.net:

Sarà la sede dell’Ente Quintana di Ascoli Piceno, la sede del Consiglio Direttivo G.G.G. (Gruppo Giudici Gare) convocato dal Presidente Luca Marcucci, che avrà luogo sabato 30 novembre e domenica 1 dicembre 2013.





martedì 26 novembre 2013

Quintana di Ascoli: Venerdì 29 la "Cena dei coordinatori di corteo"







"Cena dei coordinatori di corteo"
dei sei sestieri e del gruppo comunale

VENERDI' 29 NOVEMBRE 2013
ORE 20,30
presso la "Taverna dell'Aquila"
del Sestiere della Piazzarola

per il dopocena è previsto il "KARAOKE"


 per la migliore realizzazione dell'evento, si prega di dare conferma della presenza quanto prima al caposestiere della Piazzarola, Pierluigi Messidori, accettando l'invito sulla pagina dell'evento creato su facebook

l'invito è aperto a tutti


Massimiliano Mariotti











All'Arezzo Equestrian Centre la "Quintana d'Inverno"







Dal sito arezzoequestriancentre.com:

Organizzata dalla Commissione del Comitato Regionale Toscano dell’Area Eventi Storici di Tradizione della F.I.S.E. i prossimi 30 novembre e 1 dicembre si svolgerà presso gli impianti dell’Arezzo Equestrian Centre la prima edizione della “Quintana d’Inverno” manifestazione di chiusura della stagione giostresca - quintanara 2013. “E’ per noi motivo di grande soddisfazione – sottolinea Goffredo Pasquini responsabile della Commissione Regionale Toscana – quella di poter offrire un altra manifestazione ad Arezzo che catalizzerà l’attenzione dei cavalieri ed appassionati di tutta Italia di questo settore equestre su cui la Fise sta investendo. Il Comitato Regionale Toscano, nella persona del Presidente Massimo Petaccia, ci ha ulteriormente supportati nell’organizzazione di un vero e propri evento”. La manifestazione si svolgerà nell’Arena Petrarca e Arena Dante (campi in sabbia silicea) dell’Arezzo Equestrian Centre e sarà articolata su quattro gare di cui due riservate a dimostrazioni ludiche per amazzoni e giovani promesse e due per cavalieri su di un percorso ad otto. In seno alla stessa manifestazione, per i soli cavalieri - amazzoni e giovani promesse con residenza sportiva in centri toscani, sarà assegnato anche il primo Trofeo Toscano di Eventi Storici e Tradizione la cui premiazione avverrà nel Gran Galà dell’Equitazione Toscana (in programma il 14 dicembre p.v.) dove saranno festeggiati e premiati tutti gli atleti vincitori delle varie categorie e discipline equestri svoltesi nel 2013 “Questo appuntamento – sottolinea Roberto Parnetti responsabile eventi della Commissione Regionale Toscana - fa seguito alla Quintana di Primavera che si è svolta nello scorso mese di aprile sempre all’Arezzo Equestrian Centre e che vide l’iscrizione di ben 67 cavalieri ed amazzoni, numero mai raggiunto in ambito nazionale in competizioni del genere, provenienti da tutta Italia. Per questa edizione invernale si preventiva un ulteriore alta adesione di partenti”.

Le iscrizioni si chiudono lunedì 25 p.v. - Per info roberto.parnetti@alice.it

Press Office Arezzo Equestrain Centre
Località Gentile, 49
San Zeno 52100 Arezzo









lunedì 25 novembre 2013

Successo del Convegno sul benessere del cavallo nelle Giostre e Palii






A cura di Uffici Stampa EGV (Edizioni Giorgio Vasari):

Organizzato dal progetto nazionale “Si dia inizio al torneamento” con la collaborazione organizzativa del Comune di Monte San Savino (AR), si è svolto, nella sala convegni del Museo del Cassero, il convegno “Tutela e benessere del cavallo e rilevanza sociale ed economica delle Giostre delle Quintane e dei Palii” che vedeva il patrocinio della F.I.G.S. (Federazione Italiana Giochi Storici) e del Comitato Regionale Toscano dell’Area Eventi Storici di Tradizione della F.I.S.E. (Federazione Italiana Sport Equestri). In una sala gremita, non solo da addetti ai lavori ma anche da molti appassionati, il convegno si è aperto con il saluto del Sindaco Margherita Scarpellini che ha ricordato come l’iniziativa rientri nel programma della fiera di "Santa Caterina" ovvero "dell'equino e dello scaldino col fischio". L’organizzatore Roberto Panertti ha dato poi lettura della nota fatta pervenire dall’On. Ermete Realacci, che ha presentato (lo scorso 15 marzo 2013 n.d.r.), la proposta di legge «Disposizioni per la promozione, il sostegno e la valorizzazione delle manifestazioni dei cortei in costume, delle rievocazioni e dei giochi storici», un testo normativo per valorizzare le manifestazioni storiche firmato da 57 parlamentari bipartisan. Parnetti ha quindi ricordato come il 2013 ha visto la riconferma dell’Ordinanza Martini (che, dal 2009, regola le manifestazione dove vengono utilizzati equidi n.d.r.) avvenuta a ridosso di incidenti che hanno portato all’abbattimento di cavalli a Monselice, Asti e Foligno. La parola è poi passata a Carlo Capotosti, Presidente della F.I.G.S., che ha ricordato come la Federazione sia l’unico organismo associativo presente in Italia, in grado di riunire e tutelare le città o enti di vario genere che organizzano manifestazioni storiche, partecipando ai lavori preparatori dell’Ordinanza Martini. Capotosti si è poi soffermato su come le manifestazioni troppo spesso sono soggette ad attacchi discriminatori ed a provocazioni da parte di gruppi di “animalisti”, spesso guidati da parlamentari della Repubblica, e che è assurdo l’essere confrontati alle corride dove, la morte dell’animale, è la normale conclusione. E’ stato poi la volta di Renato Bircolotti apprezzato starter in ippodromi e mossiere in importanti palii nazionali tra cui Asti dove, quest’anno, è avvenuto l’incidente che ha portato al decesso della cavalla Mamuthones. Bircolotti ha inoltre ricordato anche di quanto accade nelle corse “regolari”, ovvero quelle che si tengono in ippodromi, dove l’abbattimento di cavalli è all’ordine di ogni riunione ippica anche se fa più notizia e clamore quello che può accadere in una piazza.




A seguire Giuseppe Barolo (Consigliere Nazionale della FIGS) che ha presentato i dati di una ricerca svolta dalla FIGS con Federculture ed il quotidiano economico Sole24ore, aggiornata al 2010, sulla rilevanza sociale ed economiche che le manifestazioni storiche generano. In Italia sono state censite 520 eventi che, in media registrano circa 24.000 presenze. Il tasso di autofinanziamento di tali eventi è del 60%, contro il 39,40% di finanziamento pubblico. Un volume di affari che si attesta su svariati milioni di euro, tra indotto diretto e indiretto, e che vede un coinvolgimento, per ogni singola manifestazione, di una media di circa 450 occupati tra volontari e assunti a tempo determinato. Si è poi aperto poi il dibattito che ha visto numerosi, ed appassionati, interventi che hanno, inevitabilmente, fatto sforare i tempi previsti. La conclusione dei lavori è stata dedicata alla consegna, da parte dell’Ass.re Erica Rampini, di un attestato della Commissione Pari Opportunità del Comune di Monte San Savino, a Barbara Taiuti che, durante le prove delle Giostra del Saracino di Arezzo di settembre, si è cimentata come “giostratrice” correndo carriera contro il Buratto. L’amazzone ha raccontato le sue emozioni ringraziando il Quartiere di Porta del Foro (in sala era presente tra gli altri il Rettore Sandro Sganappa) per l’opportunità avuta. Nel saluto finale Roberto Parnetti ha ricordato la prossima iniziativa del progetto “Si dia inizio al Torneamento” ovvero la pubblicazione dell’Almanacco della Giostre Quintane e Palii 2013 in uscita a fine anno.










sabato 23 novembre 2013

XXV° Premio Internazionale "Ascoli Piceno" 28-30 novembre






XXV PREMIO INTERNAZIONALE ASCOLI PICENO 

Palazzo dei Capitani 
28 - 29 - 30 novembre 

Comunicare nel Medioevo 
La conoscenza e l'uso delle lingue nei secoli XII-XV


Giovedì 28 alle ore 17.00 
nell'ANTEPRIMA AL PREMIO 
verrà presentato il volume 
"Cecco d'Ascoli"



QUI SOTTO IL PROGRAMMA COMPLETO:







Massimiliano Mariotti








San Secondo Parmense: Riconfermato l'Ascolano Luca Pizzi alla Contrada Prevostura






A cura di Roberto Parnetti:

SAN SECONDO PARMENSE (PR) - La contrada Prevostura ha ufficializzato il rinnovo del contratto di collaborazione con il cavaliere Luca Pizzi che dunque correrà l'edizione 2014 del Palio delle Contrade.


Dal sito ufficiale della Contrada Prevostura (contradaprevostura.com):

La contrada Prevostura è rappresentata dall'anno 2010 dal cavaliere ascolano Luca Pizzi. Con Luca Pizzi la contrada ha puntato forte su un ragazzo giovane di qualità e prospettiva. La scommessa è stata subito vinta grazie alle vittorie 2010 e 2011. Luca si è dimostrato subito a suo agio tra i grandi del Palio di San Secondo ed entra di prepotenza nella hall of fame dei cavalieri del torneo.





Come recita la leggenda, il nome della Contrada trae origine dalla nuova Prevostura fatta costruire al confine col «Buregh di Minén» sul quale si affaccia il l'arco d'ingresso che guarda la Rocca, da Giovan Battista Anguissola, che, giunto a San Secondo, lui di nobile casato, trovò sconveniente che i Prevosti dimorassero nei ristretti locali attigui alla Chiesa della Beata Vergine Annunciata vicino al vecchio cimitero. Fece costruire un nuovo palazzo sull'angolo tra il borgo lungo e il borgo prevostura, un grande giardino all'italiana recintato da un alto muro proteggeva la tranquillità del prelato. All'interno del palazzo aveva fatto costruire una cappella privata, facendovi trasportare la pietra dell'antico altare della Pieve di San Genesio. Sul muro del giardino fece erigere un'edicola con l'effige affrescata di una madonna a cui si rivolgeva durante le sue passeggiate di preghiera. La strada grande (ora Via Roma) che porta dalla piazza della chiesa alla rocca, attraversa la contrada congiungendo l'antica via romana con il castello dei Rossi. L'emblema della contrada è proprio l'arco della nuova Prevostura d'oro su fondo bianco e nero, che sono effettivamente i colori rappresentativi. Il territorio della contrada è situato nella zona sud ovest di San Secondo Parmense e precisamente tra la Rocca dei Rossi e la chiesa Collegiata. La via che collega queste due piazze è via Roma, dove si svolgono principalmente le nostre attività. Altro punto importante del nostro territorio è Piazza Racchetta (la famigerata "piasèta") dove hanno luogo il venerdì dei Mestieri e la Cena Propiziatoria. Le altre vie bianconere sono naturalmente Borgo della Prevostura, Borgo Gaibazzi, Borgo Rovacchia, Via XX Settembre (al "Buregh Long") e via Zardi.








mercoledì 20 novembre 2013

Arezzo: Comunicato Stampa di Porta Santo Spirito





In merito alla questione della presunta positività riscontrata in un cavallo del nostro Quartiere nell’edizione di Settembre della Giostra del Saracino, ci preme sottolineare che l’esito delle analisi “quantitative” hanno dimostrato quanto sostenuto dal Quartiere e dal Giostratore Elia Cicerchia fin da subito. La positività ad un farmaco riscontrata su Baby Doll non rappresentava nessun caso di doping, ma costituiva, semplicemente, un residuo farmacologico prescritto e somministrato su indicazione del veterinario del Quartiere e tempestivamente segnalato all’autorità sanitaria competente come previsto dai regolamenti che regolano la manifestazione.
A conclusione di questa vicenda, ci piacerebbe conoscere chi ha fatto trapelare strumentalmente la notizia agli organi di stampa ancor prima che l’Istituzione Giostra emettesse lo specifico comunicato e sottolineare che, per l’invidia dei risultati raggiunti in Piazza dal nostro Quartiere, questo “novello informatore” non abbia esitato ad infangare la Giostra del Saracino che ha fatto del benessere del cavallo e del rispetto dei regolamenti e delle leggi il cardine essenziale della sua azione.
Con persone di questo tipo (e non ci rivolgiamo certamente al giornalista che fa con coscienza il suo lavoro), la Giostra del Saracino difficilmente potrà fare il salto di qualità che la città e i Quartieristi tutti chiedono ogni giorno. Se poi questo personaggio rivestisse anche una carica ufficiale all’interno della Giostra, ci domandiamo come, facendosi un esame di coscienza, possa ritenersi adeguato a ricoprire tale ruolo.
Per quanto ci riguarda, continueremo a lavorare umilmente per la crescita del nostro Quartiere e, più in generale, per la crescita della Manifestazione.








Arezzo: Nessun caso di doping in Giostra



(foto arezzocitta.com)

A cura di Roberto Parnetti:


Arrivata la conferma ufficiale a seguito degli accertamenti supplementari. Niente doping in Giostra. Gli accertamenti supplementari hanno assicurato che il cavallo per il quale era stata eseguita una ulteriore verifica ematica, “non era sotto l'azione terapeutica di molecole estranee all’organismo” in occasione della 126esima edizione della Giostra del Saracino. Espresso quindi il “giudizio di non sanzionabilità” a dimostrazione della serietà e correttezza dei giostratori e dei quartieri che puntualmente sono scesi in lizza domenica 1 settembre nel rispetto del “Protocollo sulla tutela e sul benessere del cavallo”. L’Istituzione Giostra del Saracino evidenzia che il giudizio espresso arriva al termine di scrupolose analisi. Il giudizio di negatività infatti è stato emesso dopo la verifica quantitativa, seguita a quella qualitativa, effettuata sia sul campione pre gara che su quello post gara, e si basa su dati analitici oggettivi ben definiti, certificati, confrontati con studi di farmacocinetica pubblicati anche su riviste internazionali e non su riflessioni soggettive. “Una conferma – dichiara Angiolo Agnoluccipresidente dell’Istituzione – di quanto la Giostra del Saracino sia attenta alla questione legata al rispetto, alla tutela e al benessere del cavallo ritenuta una priorità per la buona riuscita di un evento che affonda le origine nel rispetto delle regole cavalleresche. Gli accertamenti supplementari, hanno confermato la buona condotta e il rispetto delle regole da parte dei giostratori oltre ad aver messo in rilievo l’importanza e l’efficacia del protocollo del ‘Benessere del cavallo’adottato dai quartieri per garantire sia la tutela del cavallo e al tempo stesso l’onorabilità e l’immagine di una manifestazione storica fiore all’occhiello della città”. “È anche per questo motivo – aggiunge Angiolo Agnolucci – che a volte sarebbe preferibile attendere comunicazioni ‘ufficiali’prima di mettere sotto gli occhi dell’opinione pubblica un tema particolarmente delicato per cui è fondamentale un corretto accertamento per non far correre il rischio che sommarie e frammentarie notizie finiscano per gettare ombre sulla Giostra del Saracino, oltre a minare gli equilibri tra quartieri e quartieristi. Tanto più quando di mezzo c’è la professionalità dei giostratori e la credibilità dei quartieri e di un percorso virtuoso intrapreso ormai da anni e del quale l’intera città può andare sicuramente orgogliosa come confermato dalle analisi supplementari il cui esito ci permette di annunciare ‘ufficialmente’che la Giostra è una manifestazione pulita”.





Palio di Fucecchio: Continua il percorso di scambio con le altre realtà paliesche italiane






A cura di Roberto Parnetti:


Il Palio di Fucecchio continua il proprio percorso di scambi con alcune delle realtà paliesche più importanti d’Italia. L’ultimo in ordine di tempo è di questa mattina quando con alcuni esponenti del Cda dell’Associazione Palio delle Contrade di Fucecchio si sono recati in quel di Legnano invitati dal Collegio dei Capitani e dall’Associazione Il Barbero, per visitare la pista sulla quale si corre il palio e in particolare per visionare il sistema di sgancio del canapo. Un sistema che a Legnano è basato su un meccanismo diverso rispetto a quello fucecchiese e che grazie ad un ingranaggio con un rullo a cuscinetti avviene in maniera molto rapida. La delegazione fucecchiese era composta dall’assessore al Palio Alessio Spinelli, da Moreno Bozzi, membro del Cda e dal collaboratore Ivo Cucini. Ad accoglierli c’erano Alberto Romanò, per il Collegio dei Capitani, e Roberto Clerici, presidente dell’associazione Il Barbero. “E’ stata una visita utile e interessante – spiega l’assessore Spinelli – che ci ha permesso di valutare una pista e un’organizzazione diversa dalla nostra. In particolare sul canapo le informazioni che abbiamo ricevuto potranno venirci utili per una riflessione futura a prescindere dal fatto che si decida o meno di cambiare il sistema attualmente esistente a Fucecchio. Questi scambi, come le altre collaborazioni, rappresentano un arricchimento per la nostra manifestazione”.









Monte San Savino (Ar): Convegno sul cavallo nelle Giostre e nei Palii






A cura di Roberto Parnetti:


Organizzato dal progetto nazionale “Si dia inizio al torneamento” con la collaborazione organizzativa del Comune di Monte San Savino, sabato 23 novembre alle ore 16:00 nella sala convegni del Museo del Cassero è in programma il secondo convegno “Tutela e benessere del cavallo e rilevanza sociale ed economica delle Giostre delle Quintane e dei Palii” manifestazione inserita nel programma della tradizionale fiera di "Santa Caterina" ovvero "dell'equino e dello scaldino col fischio". Il convegno gode del patrocinio della F.I.G.S. (Federazione Italiana Giochi Storici) e del Comitato Regionale Toscano dell’Area Eventi Storici di Tradizione della F.I.S.E. (Federazione Italiana Sport Equestri) Il programma prevede, dopo il saluto del Sindaco di Monte San Savino Margherita Scarpellini, la relazione di Carlo Capotosti (Presidente della F.I.G.S.) che farà un resoconto della stagione appena conclusa che ha registrato, in materia di normative, la riconferma dell’Ordinanza Martini per tutto il 2014. Sarà poi la volta di Massimo Petaccia (Presidente del Comitato Regionale Toscano FISE) che analizzerà il cavallo nell’attività equestre che vede la Fise investire anche sulle manifestazione di carattere storico di tradizione. Terzo relatore sarà Giuseppe Barolo (Consigliere Nazionale della F.I.G.S.) che illustrerà gli aspetti economici della manifestazioni storiche. L’ingresso al convegno è libero.





domenica 17 novembre 2013

Termina il XIII° Convegno sui Giochi Storici...I risultati del I° Concorso Corto Medioevale Massimo Stipa





Questa mattina presso la Sala dei Savi del Palazzo dei Capitani si è svolto l'ultimo appuntamento con il XIII° Convegno sui Giochi Storici. Sotto la conduzione di Massimiliano Ossini si sono succeduti gli interventi del prof. Stefano Papetti (la maiolica nel cinquecento), Giuseppe Clerici (arte lignaria nel cinquecento: i maestri Grifone e Antonio Moys), Erminia Tosti Luna (cultura e istruzione nel cinquecento), Gianni Brandozzi (Ascoli nelle stampe cinquecentesce), Valter Laudadio (la liturgia del culto di S.Emidio dal medioevo al cinquecento).
Mentre nella mattinata di sabato si era svolta presso la sala Convegni del Forte Malatesta, la seconda delle tre giornate della storia. Ossini ha presentato anche in quest'occasione le relazioni di: Fabiola Guidotti (le magistrature e la politica ascolana nel cinquecento), Stefano Ciarrocchi (la precaria ricerca della pace nel cinquecento), Andrea Martinelli (organizzazione ecclesiastica nel cinquecento), Alessandra Ricciardi (S.Maria della Carità: origine della prima struttura ospedaliera moderna), Lorenzo Nardi (economia, agricoltura e struttura patrimoniale di Ascoli nel cinquecento), Elma Grelli (festa, giostra e moda: chiusura di ceto nel cinquecento).


I RISULTATI DEL I° CONCORSO CORTO MEDIOEVALE "MASSIMO STIPA":

Matteo Mario Riga è il primo a scrivere il suo nome nell'albo d'oro di Corto Medioevale. "Percezioni differenti" è il titolo dell'opera dell'artista ascolano che ha raccolto i consensi da parte della giuria di esperti e dei rappresentanti dei mezzi d'informazione. Nella motivazione dell'opera premiata come miglior Cortometraggio si evidenzia: "Il corto viene premiato per l'efficacia narrativa cui racconta la Città della Quintana. Nella dilatazione e contrazione del tempo filmico vengono espresse molto bene le suggestioni del titolo con un sapiente uso del montaggio e una scelta emotivamente coinvolgente delle immagini. Il premio come miglior regia è stato assegnato a Elisa Galiè e Fulvia Di Bartolomeo per il cortometraggio dal titolo "La notte del passato" e nella motivazione si legge: "Il corto si caratterizza per il bellissimo uso dell'inquadratura e della luce per il ritmo e per la capacità di creare suspence. L'opera rende con immediatezza l'atmosfera della città e della sua giostra attraverso la capacità di cogliere gli stati d'animo dei protagonisti più evitati che rivelati". Il premio per la migliore sceneggiatura è stato assegnato a Valerio Cappelli autore del corto "L'ora della Freccia" con la seguente motivazione: "È la sceneggiatura più intrigante e più complessa ed è il racconto più cinematografico. Proprio il fatto di non essere perfettamente esplicito lo rende emotivamente stimolante per lo spettatore. Attraverso questa ministoria complessa e una sapiente scelta dei volti si mettono in risalto vizi e virtù dell'animo umano". Nel corso della manifestazione presentata da Filippo Ferretti e da Pina Calisti sono state consegnate anche le menzioni speciali per la fotografia a Priscilla Trevisonne ed Erica Comini e per il cartone La Quintana di Ascoli ad Elisa Galiè. Shel Shapiro presidente di giuria ha proclamato nell'Auditorium Fondazione Carisap, pieno in ogni ordine di posto i vincitori di Corto Medioevale, il primo festival tributo alla Quintana dedicato al compianto collaboratore del Gruppo Gabrielli Massimo Stipa da sempre estimatore della celebre giostra. Composta da altri 4 esperti del settore, della giuria hanno fatto parte: il Regista Piero Benfatti, l'attrice Rossana Candellori, la sceneggiatrice Sabina Gaspari e lo storico Bernardo Nardi, un team di esperti che ha contribuito a dare lustro a questa manifestazione organizzata dal Gruppo Gabrielli anche per ricordare il suo dipendente Massimo Stipa prematuramente scomparso. "È stato un nostro contributo alla nostra città dove ha sede la nostra azienda e dove vivono le nostre famiglie - ha detto la vicepresidente Barbara Gabrielli - e si coniuga perfettamente con la volontà di dare il nostro contributo allo sviluppo socioeconomico di Ascoli". Ai vincitori sono state consegnate le statuette simbolo della manifestazione, del personaggio del Crivelli con Ascoli in mano. La serata si è aperta con un filmato sulla Quintana realizzato dal regista Pupi Avati.

I secondi sette cortometraggi in gara, che erano stati proiettati nella serata di venerdì 15 erano:


LA BATTAGLIA
di Gianluca Paliotti

Storie e personaggi dei Sestieri di Ascoli Piceno si intrecciano, mentre capitani, dame e altri figuranti sembrano preparare la battaglia più sanguinosa della loro vita. Al momento dello scontro però accade qualcosa di inaspettato...



LA NOTTE DEL PASSATO
di Elisa Galiè

E' notte. Avvolta nelle tenebre e da un mistero antico e sempre nuovo, Ascoli svela tutta la sua bellezza nei suoi scorci più suggestivi. Due ombre si rincorrono per le vie della città e finalmente si raggiungono mentre le loro mani si sfiorano. In una esplosione di immagini, il passato riaffiora e si fa presente nella giostra della Quintana.



ONDE RADIO AMICHE
di Pietro Mazzocchi

Mondo della radio privata dove il conduttore, preso a condurre come ogni giorno il programma "onde radio amiche", parla della giostra della Quintana appena svolta.



ZOCCOLO DURO
di Claudio Sestili

Una storia di amicizia tra due cavalli, Pedro e Megghy, è il filo conduttore che ci introduce nella Quintana di Ascoli vista, però, con gli occhi dei cavalli, con le loro ansie ed esigenze sia durante la sfilata che durante la giostra. Pedro e Megghy, in attesa di essere chiamati per la sfilata, ripensano ai momenti tragici del torneo e alle loro preoccupazioni. Poi, però, una volta chiamati, sfilano con nobile portamento anche se, come tutti i loro amici cavalli, soffrono il caldo, hanno sete o paura della folla. Alla fine Pedro non vuole salire sul camion che lo porterà via senza Megghy e lancia il suo ultimo grido alla compagna che non trova accanto, ricordandogli che sono loro lo Zoccolo Duro della Quintana di Ascoli.



O TEMPORA O MORES...
di Carlotta Palombi

Il cortometraggio, realizzato tra Rosara ed Ascoli Piceno, intende sottolineare la continuità tra passato e presente, in particolar modo nella scelta del vestiario che ha raggiunto un perfetto compromesso. L'autrice ha cercato di far rivivere così il passato riconoscendo il tipico odore di leggenda nella brevità di un sogno. E' la storia di Riccardo, giovane piceno che, grazie all'aiuto dell'amata Giovanna e del fedele cantastorie, riesce a guadagnarsi un futuro da arciere.



ASKL, UNA POESIA DIVENUTA REALTA'
di Matteo Mariotti

La realtà di un quintanaro chiamato a vivere l'esperienza della Quintana è l'essenza dell'autentica storicità della manifestazione. Può sembrare un'affermazione bizzarra o fuori luogo, ma è proprio a partire da questa che c'è un punto di contatto tra il mondo contemporaneo e Ascoli storica. Il quintanaro, all'interno dell'esperienza della giostra, compie un percorso che lo porta ad apprezzare la città, fino ad una vera e propria sindrome di Stendhal. E' la bellezza che fa la differenza nel processo di avvicinamento dell'uomo alla Quintana e alla città. Il corto è strutturato in sei episodi ed è un diretto riferimento al "quintanaro vero" Massimo Stipa. Omaggio al suo impegno nel sestiere di Porta Solestà. L'esperienza della giostra è l'incipit di una serie di attimi che rasentano la commozione e che lo catapultano in una sequenza di immagini indelebili. In esse il protagonista legge la propria vita alla luce della stratificazione del passato, apprezza il presente, sogna il futuro. Viva la Quintana. Viva Ascoli!





Massimiliano Mariotti






Giochi:

Corse dei Cavalli - Stay the Distance

Le corse dei cavalli! Quanta adrenalina! e che divertimento! Siete pronti per scendere in pista? Allora scegliete il vostro cavallo in base alle sue caratteristiche e alle quotazioni, ricordando che un cavallo meno quotato sarà più difficile da condurre alla vittoria, ma avrà un bonus di punti molto più alto. A questo punto guidate il vostro destriero con le FRECCE direzionali, usate la SPACEBAR per saltare le siepi e il CTRL per il turbo (ne avrete 3 a disposizione). Tenete inoltre sempre d'occhio, in alto a destra, la curva verde della distanza e quella rossa dell'energia, che dovrete dosare e conservare attentamente!

Giochi by Flashgames.it

Avalon Siege

Allineate i cannoni e preparatevi ad una dura e lunga battaglia in questo gioco d'abilità e combattimento a turni. Conquistate tutti i regni nell'isola attaccando con il vostro cannone. Fate fuoco fino a distruggere tutti gli avamposti avversari per andare avanti nei livelli del gioco. Usate 6 tipi di munizioni per spazzare via tutti i regni per diventare il re assoluto! Si gioca con il MOUSE: muovetelo per scegliere l'angolo di tiro e fate fuoco con il click sinistro.

Giochi by Flashgames.it

Archerland

I vecchi turret defense si sono evoluti: in questo gioco infatti, non solo dovrete difendervi dagli attacchi nemici, ma dovrete anche pensare alla costruzione della vostra città, con tutte le infrastrutture che servono ad essa! Tenete lontani gli intrusi dal vostro castello ponendo catapulte, cannoni e arcieri lungo il percorso. Aggiungete vari edifici attorno alla vostra fortezza per produrre così risorse e rafforzare la vostra difesa. Si gioca con il MOUSE. Sulla destra avrete il bilancio delle vostre risorse, con gli elementi da posizionare sulla mappa. Cliccate su Next day per proseguire nell'avventura.

Giochi by Flashgames.it

Il Regno - Battle of Lemolad

Il Regno di Lemolad è molto conteso, ed anche voi ci avete messo gli occhi sopra. Per conquistarlo dovrete imbastire una campagna militare; dunque create il vostro esercito e date l'assalto alle terre circostanti. Usate le vostre abilità per costruire una città ed addestrare i vostri uomini con le risorse provenienti da essa, poi passate ad attaccare il nemico. Invadete i castelli nemici, aggiornate le vostre truppe con soldati, arcieri, cavalieri ed usate la magia con i vostri maghi. Ci sono 5 diversi tipi di risorse: cibo, legno, pietra, ferro e oro. La magica sfera verde è utile per attaccare i nemici. Con il MOUSE scambiate le posizioni delle risorse e fate combinazioni di tre o più elementi per assicurarvi la conquista di quelli necessari per la vittoria.

Giochi by Flashgames.it

La Briscola

Che ne dite di una partita a Briscola? Voi contro il computer, un mazzo di 40 carte suddiviso in 4 semi, e 120 punti disponibili per ogni partita: come nella realtà, il vincitore sarà chi riuscirà a totalizzarne almeno 61. Il valore delle carte è il seguente: la carta più alta è l'asso, seguita dal tre, il re, il cavallo e il fante... poi seguono il 7, 6, 5, 4, 2 (che però non danno punti). La carta di valore superiore prende quella inferiore, ad eccezione del seme della Briscola che vince su tutti gli altri. Quando si giocano due carte di seme diverso, di cui nessuna sia di briscola, vince sempre la prima carta giocata. Per giocare cliccate sulla carta da lanciare con il MOUSE, chi vince la mano tira per primo.

Giochi by Flashgames.it

Castle Crusade

Diventate i dominatori di Castle Crusade, un eccitante gioco di strategia che vi vedrà alla guida di un regno che nasce nel bel mezzo di una foresta. Conquistate i diversi castelli rossi presenti nelle vostre terre ed espandete il controllo su un'area più vasta. Disboscate l'area per ottenere legna preziosa: vi tornerà utile per acquistare aggiornamenti per le vostri castelli, al fine di fortificare le difese, e per produrre nuove truppe da inviare all'attacco. Si gioca con il MOUSE.

Giochi by Flashgames.it

Da Vinci Cannon

Lenoardo da Vinci è stato il più grande genio inventore della storia, ma alcuni suoi progetti si sono persi con il tempo. Riscoprite un'incredibile arma medievale, il Cannone Da Vinci, in questo gioco ispirato a Crush The Castle. Selezionate la potenza del congegno, l'angolo di tiro e abbattete, a suon di cannonate, il castello nemico. Riceverete un riconoscimento (medaglia d'oro, argento o bronzo) in base al risultato conseguito. Si gioca con il MOUSE: quando siete pronti a far fuoco, cliccate su un punto qualsiasi dello schermo per sparare.

Giochi by Flashgames.it

1066 - Guerra Medievale

L'Inghilterra durante il Medioevo fu per anni territorio di scorrerie e devastazioni dei Vichinghi. Il 1066 è la data più famosa della storia inglese: ossia quando Normanni guidati da Guglielmo il Conquistatore sconfissero l'esercito vichingo-sassone che da secoli occupava l'Inghilterra. Rivivete le epiche vicende di Hastings: prendete controllo dell'esercito sassone, di quello vichingo o di quello normanno e lanciatevi nella battaglia che ha cambiato la storia inglese. Cosa sarebbe successo se voi foste stati al comando delle truppe? Il gioco vi butta al centro dell'azione dandovi pieno controllo per ogni freccia scagliata, carica di cavalleria e posizione di difesa assunta dal vostro esercito. Una visuale suggestiva e un'animazione drammatica vi fornirà un ritratto distintivo di una vera guerra medioevale. Usate il MOUSE per giocare.

Giochi by Flashgames.it

Guerre Medievali - Medieval Wars

La morte del Re ha aperto il conflitto tra le due fazioni avversarie per succedere al trono vacante. Schieratevi e scendete in guerra! Medieval Wars è un gioco strategico a turni, più complesso del Risiko ma più facile e intuitivo di Axis & Allies. Sul campo di gioco esagonale mettete alla prova le vostre abilità di tattici di guerra: per avere la meglio sull'avversario, occorrerà studiare per bene qualsiasi mossa. Si gioca con il MOUSE. Cliccate sugli esagoni per muovere il vostro esercito. In basso a sinistra viene indicato il numero di mosse che potete effettuare ad ogni turno. Quando affrontate un avversario in un combattimento, il lancio dei dadi stabilirà il vincitore dello scontro.

Giochi by Flashgames.it

Seasons of War

L'eterna lotta tra uomini e orchi è giunta all'epilogo finale. Preferite l'alleanza umana di Re Dionisus I, guidata dal Principe Alessandro VIII, oppure le malvage forze di Darklord condotte dal negromante Methus Kardec? Scegliete con chi schierarvi perché la lotta sarà durissima! Season of War è un RPG basato su Warcraft. Sviluppate rapidamente la vostra civiltà: da vincere ci sono ben 7 battaglie. Distruggete l'avversario fino ad arrivare a dominare il mondo e scrivere così glieventi della storia. I controlli sono molto semplici e basati click del MOUSE.

Giochi by Flashgames.it

King Of Hill

Difendete ad ogni costo il vostro castello dagli attacchi degli invasori, se volete restare i Re della Collina. Gli agguati arriveranno da ogni direzione e avrete bisogno di olio bollente e palle infuocate da lanciare con la catapulta se volete far indietreggiare il nemico. Avrete a disposizione 4 torrette con le catapulte (e dunque 4 vite) con cui dovrete attaccare il nemico, ma che dovrete stare attenti a preservare se non volete morire. Clikkate con il MOUSE sulla catapulta che volete usare per direzionare il tiro e, con il tasto del mouse premuto, indietreggiate per dosare la potenza del lancio... poi rilasciate per sparare. Per usare contemporaneamente tutte le cataplute cliccate sulla bandiera al centro del castello. Usate invece le FRECCE direzionali per lanciare l'olio bollente dalle mura del castello.

Giochi by Flashgames.it

L'Assedio - The Great Siege

Il Signore Oscuro ha inviato i suoi servi nella vostra città per uccidere anche gli ultimi superstiti. Siete tutti in pericolo, ma non potete restare a guardare le vostre case sprofondare nell'ombra di un altro abisso. E allora caricate i vostri cannoni, azionate la catapulta, e marciate attraverso le porte per scacciare l'assedio nemico, in questo splendido gioco di guerra. Per giocare con il Mouse: cliccate e trascinate la testa della Catapulta per regolare l'obiettivo, rilasciare il mouse per far fuoco. Per giocare con la Tastiera: utilizzare le FRECCE direzionali SU + GIU per regolare l'obiettivo della catapulta, e la SPACEBAR per sparare. Nel Market, è possibile convertire i punti bonus in diverse risorse. La maggior parte delle costruzioni e delle armi in questo gioco può essere aggiornata. Tasti di scelta rapida. City Mode: [M] Mercato [B] Costruire Battle Mode: [A] Pannello di costruzione dell'Esercito, [S] Invia Esercito, [D] Pannello di Comando Esercito.

Giochi by Flashgames.it

Troy

LA città di Troia è sotto attacco. Le mura sono invase dagli Achei: a voi il compito di combattere e respingere gli invasori in questo gioco di difesa. Posizionate le truppe difensive, selezionate le unità terrestri e gli arcieri da utilizzare in battaglia e preparatevi a contrastare l'attacco nemico. Riuscirete a non far cadere la città di Troia? Riscrivete la storia e il vostro nome diventerà leggenda! Per giocare lanciate i dardi infiammati selezionando con le FRECCE direzionali l'angolo di tiro, e scoccate il tiro con la SPACEBAR.

Giochi by Flashgames.it

Epic War 3

Scendono in campo gli eroi con Epic War 3! Fazioni nemiche sono in guerra tra loro e a voi spetta il compito di ristabilire l'ordine, ovviamente sotto il vostro controllo. :-) Scegliete dunque l'eroe con cui scendere in campo e sconfiggete i vostri avversari in una dura battaglia per la conquista del territorio. Per farlo avrete bisogno di una strategia vincente: dovrete costruire e armare il ponte, scegliere un castello di confine per poter combattere, e potenziare ad ogni cambio turno le vostre carte per difendervi. Si gioca con il MOUSE. Durante la battaglia usate le FRECCE direzionali per scorrere la visuale. Le unità di combattimento verranno generate in automatico ma in qualunque momento potrete selezionarle per muoverle in un punto desiderato. Per usare le Carte Abilità basterà cliccarci sopra. Vi consigliamo comunque di leggere l'aiuto del gioco per istruzioni più dettagliate e scorciatoie da tastiera.

Giochi by Flashgames.it

Age of Kingdom

Provate le vostre abilità nell'imperdibile gioco di ruolo a turni Age of Kingdom! Ambientato nel medioevo, il gioco è diviso in due parti: nella fase building dovrete costruire il vostro impero producendo oro e soldati, mentre in quella battle, dovrete combattere contro nemici agguerriti per mantenerlo in vita. Ogni edificio produrrà risorse che servono allo sviluppo della vostra nazione, dalla popolazione civile al cibo, dall'oro ai materiali, dalla tecnologia alla costituzione di un esercito di soldati per proteggere il regno. Tutte le statistiche su queste risorse saranno visualizzabili in alto a sinistra. Si gioca con il MOUSE: scegliete dove far sorgere il vostro regno e trasformatelo al più presto in un florido impero, combattendo contro gli avversari.

Giochi by Flashgames.it

L'assalto - The Horde

Orde assassine stanno attaccando la vostra terra. Sanguinanti e quasi sconfitti, avete raggruppato le forze nell'unica regione che resta libera. E' tempo di combattere e e cercare di scacciare via dal vostro territorio questi nemici, che diventeranno sempre più forti e difficili da affrontare. Salvate dunque la vostra gente ed evitate che muoia o sia ridotta in schiavitù. Con il MOUSE posizionate le vostre torri di difesa lungo il sentiero ed evitate che i nemici arrivino al vostro cuore. Per ogni invasore ucciso avrete dei soldi che potrete spendere nell'acquisto di nuove postazioni più efficienti a contrastare le ondate sempre più insistenti.

Giochi by Flashgames.it